Caricamento Eventi

Un viaggio in Terra Santa non è un’esperienza qualunque. Le pietre di San Giovanni d’Acri illuminate dai caldi raggi del sole, le splendenti cupole dorate di Gerusalemme, i luoghi Sacri del Lago di Tiberiade e gli importanti siti archeologici restituiscono un’immensa suggestione e voglia di vita. Noi vi portiamo alla scoperta di questi luoghi ricchi di energia e fascino, accompagnati dalla storica dell’arte Alessandra Filippi che vi condurrà in un cammino indimenticabile.

Con la storica dell’arte M. Alessandra Filippi
Nata a Bruxelles nel segno del Manneken Pis, cresciuta tra la solida Mole Antonelliana e il Cupolone, oggi vive a due passi dalla Madonnina. Storica dell’arte irriverente e non allineata, col chiodo fisso per l’economia e gestione dei beni culturali coltivato in anni in cui o eri umanista o economista, ha lavorato nei musei e nell’organizzazione delle mostre. Dopo una vita spesa per l’arte si è completamente votata alla valorizzazione e alla storia, facendo della divulgazione il perno di tutti i suoi progetti. Nel 2010 ha fondato Città nascosta Milano® (www.cittanascostamilano.it) con la quale ha contribuito a rivoluzionare il modo di vedere Milano. Scrittrice e viaggiatrice curiosa, ama “raccontare storie vere come fossero dei romanzi”.

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO
Giovedì 26 dicembre, 2019
Partenza da Torino Caselle con il volo di linea Alitalia delle 11,15 o da Milano Malpensa con il volo di linea Alitalia delle 11,25. Coincidenza a Roma Fiumicino alle 14,25 e arrivo a Tel Aviv alle 18,45.
Disbrigo delle formalità d’ingresso e  trasferimento in bus privato in hotel situato in posizione centrale a Tel Aviv. Cena di benvenuto e pernottamento.

Venerdì 27 dicembre, 2019
Prima colazione in hotel e trasferimento ad Acri. Dedicheremo la mattinata all’esplorazione di San Giovanni d’Acri, città dove lo stesso San Paolo soggiornò una notte, come narrano gli Atti degli Apostoli. Visiteremo il Tunnel dei Templari, spettacolare e suggestiva costruzione crociata sotterranea che si può percorrere a piedi; l’antica chiesa di San Giovanni Battista, costruita dai francescani nel 1737 sull’area dell’antica chiesa crociata di sant’Andrea; la spettacolare Cittadella crociata, che conserva al suo interno l’immenso refettorio del XII secolo; passeremo davanti al Kahn dei Franchi, palazzo dove  risiedevano i rappresentanti dei commercianti stranieri fra XIV e XVIII secolo. Non mancheremo di visitare la bella Moschea di El-Jazzar, al cui interno è gelosamente custodito un pelo della barba di Maometto. Pranzo libero. Oltre alla passeggiata sulle mura dalle quali si gode una suggestiva vista della città vecchia, visiteremo il museo che raccontata la vita quotidiana della Palestina attraverso una preziosa collezione di arredi, oggetti d’uso, ricostruzioni di botteghe artigiane e il monumento dedicato a Napoleone Bonaparte, realizzato in cima a una collina che porta il suo nome: lui stesso l’aveva fatta realizzare in tempi da record quando senza successo tentò di espugnare la città nel corso della Campagna d’Egitto. Al termine ci dirigeremo sulle sponde del Lago di Tiberiade, dove pernotteremo in uno dei più interessanti kibbutz dell’area, fondato da un gruppo di giovani sionisti socialisti nel 1937, all’interno del quale è incastonato l’Yigal Alon Museum, in cui è conservata un’imbarcazione del I secolo d.C. rinvenuta a pochi metri dalla riva nel 1986 grazie ad un periodo di siccità, chiamata “barca di Gesù”. Cena in kibbutz e pernottamento.

Sabato 28 dicembre, 2019
Colazione in kibbutz. Attorno al lago di Tiberiade, dove si è svolto il cuore del magistero di Gesù, sorgono alcuni  luoghi di fondamentale importanza per la cristianità. Il nostro itinerario partirà dagli scavi archeologici di Migdal (che in ebraico significa torre), l’antica città di Maria di Magdala, che conserva la più antica sinagoga di Galilea, una delle sette del I secolo d.C. in tutta Israele, nella quale è certo che Gesù insegnò. Da qui ci sposteremo a Tabgha, dove visiteremo la chiesa della Moltiplicazione dei Pani e la chiesa del Primato di Pietro, eretta nel luogo in cui Gesù riconfermò Pietro a capo della Chiesa.
Il nostro percorso continua alla volta del Monte delle Beatitudini, sulla sommità del quale, nel 1937, è stata eretta la suggestiva chiesa progettata da Antonio Barluzzi, la cui cupola è impreziosita da un bel mosaico tutto d’oro popolato dei tipici pesci di San Pietro. Sebbene recenti scavi archeologici e più approfondite ricerche abbiano spinto a pensare che questo non sia il luogo giusto, tradizione vuole che qui Gesù abbia pronunciato il Discorso della Montagna con le Beatitudini. La chiesa è circondata da un magnifico giardino dal quale si gode una vista impagabile su tutto il lago.
L’itinerario si conclude a Cafarnao, dove visiteremo gli scavi archeologici della città di San Pietro e assisteremo, clima permettendo, al magnifico tramonto sul lago che qui è particolarmente suggestivo.
In serata ritorno a Ginosar, cena e pernottamento in kibbutz.

Domenica 29 dicembre, 2019
Al mattino ci dirigiamo verso Nazareth, dove visiteremo la Basilica dell’Annunciazione, uno dei più interessanti progetti religiosi di Giovanni Muzio, sia da un punto di vista architettonico, sia per l’atmosfera e l’indescrivibile carica di spiritualità che si respira al suo interno. La Basilica ingloba una parte di quella che la tradizione ha identificato come la casa di Maria – l’altra si trova nel Santuario di Loreto, in Italia – incastonata nel Santuario, meta di pellegrinaggio di cattolici e ortodossi di ogni parte del mondo. A seguire esploreremo il centro storico e il vecchio suk arabo, perdendoci fra vicoli, piazzette e palazzi che ricordano Venezia e Istanbul. Per ultima visiteremo la «Chiesa Sinagoga» dove, secondo la tradizione, Gesù pronunciò la profezia di Isaia, prefigurazione della sua vita pubblica, che scatenò lo sdegno dei presenti i quali lo cacciarono fuori dalla città, fin sul ciglio di un monte dal quale invano tentarono di scaraventarlo di sotto. Pranzo libero.
Nel pomeriggio visiteremo l’area archeologica di Sepporis, una delle città più importanti e ricche dell’antichità, dove nacque anche Sant’Anna, madre di Maria, meta obbligata per chiunque passi da queste parti. Si tratta di un complesso di rovine sontuose che coprono un arco temporale che va da Erode ai crociati e che include, fra gli incredibili mosaici, quello di una villa romana, nel quale è incastonato il celebre ritratto della «Monna Lisa di Galilea».
Al termine, proseguiremo per il Monte Tabor. Questa notte saremo ospiti nel convento francescano gestito dai ragazzi della Comunità di Mondo X, che personalmente ne curano gli orti e i giardini. Qui approfitteremo di un momento di raccoglimento, condividendo letture e riflessioni in questo luogo di grande accoglienza e spiritualità. Cena e pernottamento.

Lunedì 30 dicembre, 2019
Questa mattina visiteremo la Basilica della Trasfigurazione, progettata da Antonio Barluzzi nel 1924, sulle rovine di un antico monastero benedettino di epoca crociata, raso al suolo dal sultano Al Malik nel 1211. La Basilica sorge nel punto in cui la tradizione reputa sia avvenuto l’episodio della Trasfigurazione di Gesù.
Al termine ci dirigeremo verso l’imponente Castello di Belvoir, una fortezza medioevale dalla quale si domina tutta la valle del Giordano, costruita dall’ordine cavalleresco degli Ospitalieri a partire dal 1168 e nei pressi del quale l’armata cristiana di Baldovino IV di Gerusalemme, il re lebbroso, pochi anni prima della disfatta di Hattin, sconfisse quella musulmana guidata da Saladino. Dotata di un formidabile sistema di cisterne che permisero ai crociati di resistere a un assedio durato quattro anni, presenta un impianto concentrico considerato fra i primi di questo genere, assunto come modello per quelli costruiti nei secoli successivi.
Dopo il pranzo libero lungo il percorso, proseguiremo fino al sito archeologico di Beith She’an, quasi al confine con la Cisgiordania, menzionata fin dal XV secolo a.C. e citata nella Bibbia come città cananita nel Libro di Giosuè. Una meraviglia fra le cui pietre, mosaici, colonnati, gradinate del teatro ci perderemo. Al termine, riprenderemo la strada diretti a Gerusalemme.
Cena e pernottamento in albergo.

Martedì 31 dicembre, 2019
Colazione in albergo. La nostra esplorazione di Gerusalemme inizierà dalla Basilica del Santo Sepolcro, un labirinto enigmatico di pietre, altari, cappelle, scale, sovrapposizioni architettoniche abbarbicate fin sui tetti, regno della comunità cristiana degli Etiopi. Lungo la scalinata che porta alla cappella armena e poi giù, fino alla cattolica cappella dell’Invenzione della Santa Croce, le pietre sono incise da migliaia di croci, lasciate dai pellegrini che nei secoli sono sfilati fra le mura di questa chiesa, la cui prima pietra è stata posata da Elena, la madre di Costantino il Grande, alla quale dobbiamo la scoperta del sepolcro di Gesù e della Vera Croce. Percorrendo un tratto della via Dolorosa e dell’antico Cardo, raggiungeremo la Spianata delle Moschee, passando davanti al Muro Occidentale, il più sacro all’ebraismo, immaginando il Tempio, il Palazzo Reale, le guerre, le distruzioni, gli uomini che per il possesso di queste pietre si sono battuti e sono morti. Da lì ci muoveremo per andare a visitare la Tomba di David e il Cenacolo, passando per la Basilica armena di san Giacomo. Nel pomeriggio visiteremo la chiesa di Sant’Anna e gli scavi della Piscina probatica, nella quale Giovanni nel suo Vangelo ambienta il primo miracolo compiuto da Gesù a Gerusalemme: la guarigione del paralitico. La chiesa, costruita nel 1140,  è uno dei pochi e magnifici resti superstiti di edilizia sacra crociata e sorge sui resti di quella che è stata identificata come la casa di  Gioacchino e sant’Anna, luogo dove vide la luce la Madonna. Dal 1878 è gestita dai Padri Bianchi, società clericale fondata dal cardinale Charles-Martinal-Allemand Lavigerie per l’evangelizzazione dell’Africa.
Superata la porta dei Leoni, ci dirigeremo verso il Monte degli Ulivi, dove si trova la Grotta del Tradimento (o Grotta dell’Agonia), una grotta naturale fra le poche rimaste intatte dall’epoca di Gesù e raramente visitata dai pellegrini e dai turisti, un antico luogo di devozione, che si trova a destra della Chiesa dell’Assunzione di Maria (o tomba di Maria). Il nostro cammino continua verso il piccolo santuario del Dominus Flavit, dove nel suo suggestivo giardino potremo ammirare una impagabile vista della città, della Cupola della Roccia sulla spianata delle Moschea e assistere al tramonto, in un silenzio surreale. Non di rado qui è facile trovare persone di tutte le età che per l’amenità del luogo, vengono apposta ad assistere al calar del sole, in silenzioso raccoglimento.
Questa sera ci attende una cena di Capodanno unica presso il ristorante Rooftop del Notre Dame, in splendida posizione panoramica sulla città vecchia.
Pernottamento a Gerusalemme.

Mercoledì 1 gennaio, 2019
Colazione in albergo. La mattina, in pullman, raggiungeremo Betlemme, che in ebraico vuol dire “Casa del Pane”, culla di Gesù. Varcata la frontiera, passando per la città vecchia, raggiungeremo la Basilica della Natività, insieme al Santo Sepolcro e alla chiesa dell’Annunciazione di Nazareth, uno dei tre più importanti luoghi di culto cristiani in Israele la cui gestione è sancita dallo Status Quo, un decreto reale ottomano emanato nel 1852 che regola i diritti di proprietà e accesso delle comunità cristiane qui, come a Nazareth e Gerusalemme. Inserita dal giugno 2012 nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco su richiesta dello Stato di Palestina, è una delle mete principali dei pellegrinaggi in Terra santa, insieme alla Basilica dell’Annunciazione e alla Basilica del santo Sepolcro. La posa della prima pietra si deve alla regina Elena e a suo figlio, l’imperatore Costantino il Grande verso il 325 d.C. Duecento anni più tardi l’imperatore Giustiniano apportò ulteriori modifiche dando alla basilica la fisionomia che conserva ancora oggi. Sulle pareti della navata maggiore e nel presbiterio sono conservati superbi mosaici di epoca crociata, arrivati fino a noi insieme alla basilica grazie alla presenza dei re Magi. La piccola porta che è necessario varcare per poter accedere, ricorda ai moderni visitatori che entrano che è necessario farsi piccoli per andare incontro al mistero più grande. Al suo interno è conservata la Grotta dove è nato Gesù; al posto della mangiatoia è stato costruito un altare sotto il quale c’è la croce a 14 punte che ricorda il punto esatto dove il Bambino venne adagiato.
Dopo aver visitato i chiostri e la Chiesa di santa Caterina, nella quale alla vigilia di Natale viene celebrata la messa solenne di Mezzanotte, andremo a visitare la suggestiva Grotta del latte, che tradizione vuole sia stata il luogo dove Maria sostò per allattare Gesù. Durante l’allattamento  alcune gocce di latte caddero imbiancando miracolosamente tutta la grotta. Per questa ragione le mamme non solo cristiane e musulmane di Betlemme ma di tutto il mondo, vengono qui a invocare l’intercessione di Maria per avere figli e abbondanza di latte.
Al termine, riprenderemo la strada diretti verso Gerusalemme dove visiteremo il Museo Yad Vashem (in ebraico vuol dire “monumento e nome”), il Centro Mondiale per la Memoria dell’Olocausto, inaugurato nel 2005. La visita permette di rivivere e meglio comprendere uno dei periodi e degli episodi più tragici della storia del XX secolo. Attraverso diari personali, oggetti, opere d’arte e testimonianze dei sopravvissuti, questo museo unico nel suo genere permette al visitatore di ripercorrere la drammatica escalation che ha portato allo sterminio di
6 milioni di ebrei. Il complesso è composto da uno spettacolare edificio centrale, per lo più sotterraneo, all’interno del quale si snoda il percorso, e da numerosi padiglioni esterni e memoriali – il più toccante dei quali è quello dedicato ai bambini – immersi in un rigoglioso parco.
Ritorno in albergo. Cena e pernottamento.

Giovedì 2 gennaio, 2019
Partenza di primo mattino per l’aeroporto di Tel Aviv, in tempo utile per il volo Alitalia delle 09:15. Cambio aeromobile a Roma Fiumicino. Arrivo a Torino Caselle alle 14:30, e a Milano Malpensa alle 14:40.

HOTEL (o similari)
TEL AVIV                  Hotel Prima City       1 notte
NOF GINOSAR      Kibbutz                       2 notti
GALILEA                   Casa Nova Tabor      1 notte
GERUSALEMME   Eyal                             3 notti

SCHEDA TECNICA
Quota individuale di partecipazione in camera doppia:  € 2.100,00
Tasse aeroportuali:   €   260,00
Supplemento singola:   €   430,00

Assicurazione medica Globy Rosso (massimale € 200.000): € 37,00

Assicurazione contro annullamento viaggio Globy Assistance   € 163,00 in doppia – € 192,50 in singola

La quota comprende:
volo Alitalia a/r incluso 1 bagaglio in stiva da 23 kg in classe economica da Torino o Milano;
7 pernottamenti come da programma con prima colazione; 6 cene in hotel (3 portate, bevande escluse); 1 cena di Capodanno a Gerusalemme in ristorante; trasferimenti in bus privato come da programma; tour leader esperto per tutta la durata del viaggio; accompagnamento culturale di una storica dell’arte; ingressi e visite come da programma; sistema di audioguide per tutte le visite previste; assicurazione medico-bagaglio di base.

La quota non comprende:
Tasse aeroportuali (€ 260,00 – da verificare al momento dell’emissione dei biglietti); mance (circa 50 euro); pasti e bevande non espressamente citati; eventuale assicurazione per rinuncia; tutto quanto non indicato alla voce «la quota comprende».

Numero minimo e massimo di partecipanti: 20 – 30

Iscrizioni e pagamenti:
Iscrizione e acconto € 700,00 entro il 20 settembre 2019 – Saldo entro il 20 novembre 2019

I pagamenti possono essere effettuati con assegno, bancomat o carta di credito presso i nostri uffici (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19) oppure con bonifico bancario intestato a: Raggiungere Tour Operator – Montepaschi IBAN IT 38 Q 01030 20000 000000281052 indicando nella causale «Israele+ cognome e nome + n° partecipanti».

Penalità per rinuncia:
10% dal giorno dell’iscrizione fino a 60 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
30% della quota da 59 a 46 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
50% della quota da 45 a 31 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
75% della quota da 30 a 15 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio,
100% della quota da 14 giorni alla partenza

N.B.: il prezzo del pacchetto è calcolato secondo il cambio valuta applicato in data 29/05/2019:
1 dollaro USA (USD) = € 0.8963   1 euro (EUR) = 1.1157 dollaro USA (USD)

NB: la visita alla Spianata delle Moschee è sempre soggetta a riconferma in loco.

 

Compila il modulo di adesione online

Scarica il programma in pdf
Scarica il modulo di adesione cartaceo

Share This Post, Choose Your Platform!