Caricamento Eventi

Un viaggio in collaborazione con la delegazione AICC di Torino (Associazione Italiana di Cultura Classica) per immergersi nello splendore dell’Antica Roma, accompagnati da un’ esperta archeologa. Nel programma è inclusa la visita alla speciale mostra Carthago. Il mito immortale, che presenta la storia e la civiltà di una delle città più potenti e affascinanti del Mediterraneo antico.

Con l’archeologa Patrizia Sfligiotti

Patrizia Sfligiotti si è laureata alla “Sapienza” in Archeologia Medievale. Presso l’università di Aix-en-Provence ha iniziato il corso di specializzazione poi concluso a Roma e ha conseguito il diploma presso la Scuola Vaticana di Paleografia e Diplomatica. Ha condotto numerosi scavi archeologici in Toscana, Sardegna e Sicilia, ma il suo impegno maggiore sono state le ricerche nel cuore di Roma presso il sito della Crypta Balbi, oggi sede del Museo Nazionale Romano. È stata fondatrice e presidente dell’associazione culturale Antea e per oltre 20 anni ha fatto parte della Delegazione di Roma del FAI – Fondo Ambiente Italiano, nel ruolo di responsabile culturale. Collabora con l’Università Roma3. Si è sempre occupata di divulgazione e turismo culturale e da molti anni lavora come guida turistica abilitata per la Provincia di Roma.

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO
Giovedì, 19 marzo 2020
Ore 08:30, ritrovo alla stazione di Torino Porta Nuova e partenza con il treno Frecciarossa 9619 delle 8:48 per Roma Termini. Arrivo alle 13:10 e incontro con la tour leader e la guida archeologa Patrizia Sfligiotti e inizi, in bus privato, delle visite.

Si comincia con le Case romane del Celio: insieme agli Scavi di San Clemente rappresentano uno dei luoghi più affascinanti della Roma sotterranea per la straordinarietà dello stato di conservazione degli ambienti affrescati e per l’altissimo valore artistico e di interesse religioso del sito. Le domus, note anche come la casa dei martiri Giovanni e Paolo, racchiudono oltre quattro secoli di storia e testimoniano il passaggio e la convivenza tra paganesimo e cristianesimo. I vasti ambienti affrescati, in origine botteghe e magazzini di un edifico popolare a più piani (insula), furono infatti trasformati nel corso del III sec. d.C. in un’elegante domus. Al loro interno è possibile ammirare alcuni tra gli affreschi più belli di età tardo-antica.

Proseguimento per la Basilica di San Clemente, che permette di ripercorrere tre periodi storici: la chiesa attuale che risale ai tempi di Pasquale II (XII secolo); sotto giace una chiesa del IV secolo e sotto ancora vi sono i resti di antichi edifici romani. Si suppone che questi ultimi, di forma rettangolare e delimitati da muri di grossi blocchi di tufo, possano essere parte di un edificio pubblico, databile, in base alla tecnica edilizia ed ai bolli dei mattoni, all’inizio del I secolo d.C..

Al termine delle visite, trasferimento all’Hotel 4* Kolbe, sistemazione, cena e pernottamento.

 

Venerdì, 20 marzo 2020
Prima colazione in hotel e partenza a piedi per le visite della giornata.

La mattinata sarà dedicata alla visita del Parco del Colosseo: l’edificio detto Colosseo per via di una colossale statua che sorgeva nelle vicinanze, venne edificato nel I secolo d.C. per volere degli imperatori della dinastia Flavia, ed ha accolto, fino alla fine dell’età antica, spettacoli di grande richiamo popolare, quali le cacce e i giochi gladiatori. L’edificio era, e rimane ancora oggi, uno spettacolo in se stesso. Si tratta infatti del più grande anfiteatro del mondo, in grado di offrire sorprendenti apparati scenografici, nonché servizi per gli spettatori.

Simbolo dei fasti dell’impero, l’Anfiteatro ha cambiato nei secoli il proprio volto e la propria funzione, offrendosi come spazio strutturato ma aperto alla comunità romana.

Visiteremo poi l’interessante mostra Carthago. Il mito immortale, che presenta la storia e la civiltà di una delle città più potenti e affascinanti del Mediterraneo antico. Il Colosseo, il Tempio di Romolo e la Rampa imperiale al Foro Romano accoglieranno materiali straordinari, provenienti dalle collezioni dei Musei archeologici nazionali italiani e stranieri, tra i quali spiccano quelli di Cartagine e del Bardo di Tunisi, di Beirut in Libano, di Madrid e di Cartagena in Spagna.

Pranzo libero e, nel pomeriggio, visita in esclusiva della Chiesa di San Lorenzo in Miranda, normalmente chiusa al pubblico, eretta all’interno dell’antico Tempio Romano che l’imperatore Antonino volle edificare nel 142 d.C. in onore di sua moglie Faustina. Nel 1602 l’edificio fu affidato, per volere papale, all’ordine dei farmacisti e divenne il Collegio degli Speziali, raccogliendo così per secoli numerosi manoscritti e ricettari medici. Avremo così l’opportunità di visitare un vero e proprio capolavoro circondati dal suggestivo panorama dei Fori imperiali. La visita termina con una passeggiata nei fori di Cesare e Traiano. Resto del pomeriggio libero, cena e pernottamento in hotel.

 

Sabato, 21 marzo 2020
Prima colazione in hotel e partenza a piedi per le visite della giornata.

Visita guidata della Crypta Balbi, un isolato del centro storico di Roma dove sorgeva in antico un vasto portico annesso al teatro che Lucio Cornelio Balbo aveva eretto nel 13 a.C.  Sul lato orientale del portico, e inclusi nel perimetro dell’isolato moderno, si estendono una serie di isolati antichi rappresentati nella Forma urbis marmorea, i cui edifici sono in parte visitabili.

Proseguiamo con la visita del Vicus Caprarius – la Città dell’Acqua – con le strutture di una domus d’epoca imperiale, il castellum aquae dell’Acquedotto Vergine ed i suggestivi reperti (tra cui il celebre volto di Alessandro helios) venuti alla luce nel corso di alcuni lavori di ristrutturazione. In un viaggio a ritroso nel tempo sarà possibile toccare con mano la millenaria stratificazione di Roma ed osservare le testimonianze archeologiche dei grandi eventi che hanno caratterizzato la storia della città, dalla realizzazione dell’Aqua Virgo all’incendio di Nerone, dal sacco di Alarico all’assedio dei Goti.

Pranzo libero e, nel pomeriggio, visita di Palazzo Altemps. Dimora aristocratica dove già nel Cinquecento trovava posto – in una magnifica scenografia architettonica a pochi passi da Piazza Navona – una ricca collezione di scultura antica, ospita oggi capolavori assoluti di scultura antica appartenenti a collezioni nobiliari famose e di grande pregio.

Resto del pomeriggio libero e cena e pernottamento in hotel.

 

Domenica, 22 marzo 2020
Dopo la prima colazione in hotel, check-out e partenza in bus per Palazzo Massimo alle Terme, costruito tra il 1883 e il 1887 in un sobrio stile neorinascimentale, ed è oggi una delle sedi del Museo Nazionale Romano. Le collezioni si distribuiscono nei quattro piani dell’edificio secondo un criterio cronologico e tematico: il pianterreno, il primo e il secondo piano sono dedicati alla sezione di arte antica; il piano interrato ospita le sezioni di numismatica e oreficeria.

Dopo il pranzo libero, l’ultima visita del nostro viaggio saranno le Terme di Diocleziano. La costruzione delle Terme, estese su una superficie di ben 13 ettari, fu avviata dall’imperatore Massimiano nel 298 d.C. e si concluse in tempi rapidi: l’inaugurazione dell’impianto avvenne tra il 305 e il 306 d.C. e fu dedicato a Diocleziano. Le Terme, che potevano contenere fino a 3000 persone, riprendevano lo schema consueto delle grandi terme romane, caratterizzato dalla disposizione delle sale principali (calidarium, tepidarium e frigidarium) lungo un asse centrale, oggi riconoscibili nella Basilica di S. Maria degli Angeli. Nel 1561 Pio IV destinò l’area delle Terme alla costruzione di una chiesa e di una Certosa dedicate alla Madonna degli Angeli e dei Martiri e affidò il progetto a Michelangelo. La chiesa fu realizzata adattando il frigidarium (piscina di acqua fredda) e parte della natatio (piscina scoperta), mentre gli ambienti della Certosa (i due chiostri e le abitazioni dei monaci) occuparono la parte settentrionale del complesso termale. A Michelangelo si deve l’ideazione del Chiostro maggiore che, con i suoi lati di 100 metri scanditi da 100 colonne monolitiche, è uno dei più grandi d’Italia.

Al termine della visita, partenza con il treno Frecciarossa 9619 delle 16:50 con arrivo a Torino alle 21:12.

 

HOTEL
HOTEL KOLBE 4*
Immerso tra i tesori monumentali dell’antica Roma, l’Hotel Kolbe occupa una posizione suggestiva e prestigiosa in uno degli angoli più esclusivi del centro storico cittadino. Grazie alla posizione eccellente dell’albergo, gli ospiti possono visitare gli scavi del Palatino, letteralmente di fronte all’Hotel e molte delle stanze si affacciano sulle rovine di questo antico quartiere imperiale di epoca romana. Sempre nelle vicinanze dell’albergo, e in soli pochi minuti, è possibile raggiungere il Foro Romano, il Circo Massimo e il Colosseo.
Il nucleo interno del palazzo che ospita l’Hotel Kolbe risale al 1625. Dopo una serie di modifiche e interventi di restauro, nel 1925 la struttura diventa un monastero. L’ultima radicale e meticolosa modifica avviene nel 2007. I lavori hanno regalato all’albergo l’aspetto attuale, pur nel rispetto della struttura architettonica originale e hanno mantenuto una parte del monastero.

 

SCHEDA TECNICA
Quota individuale in doppia :    €    990,00
Supplemento singola:   €    195,00
Eventuale assicurazione per rinuncia:   €    68,00 in doppia – € 82,00 in singola

La quota comprende:
treno Frecciarossa in classe standard da Torino (a/r),  3 pernottamenti all’hotel 4* Kolbe (o equivalente) con trattamento di mezza pensione (cena a tre portate bevande escluse), le tasse di soggiorno previste nella città di Roma, trasferimenti in pullman privato come da programma, guida locale archeologa durante tutte le visite, accompagnatrice Raggiungere dall’arrivo a Roma alla partenza per Torino, visita privata in esclusiva della Chiesa di S. Lorenzo in Miranda, ingressi come da programma,  sistema di radioguide durante tutto il viaggio,  assicurazione medico-bagaglio.

La quota non comprende:
pasti e bevande non espressamente citati, spese a carattere personale, mance ed extra in genere, tutto quanto non indicato alla voce «la quota comprende».

Numero minimo di partecipanti: 20

Iscrizioni e pagamenti:
Acconto: Euro 300,00 entro il 20 gennaio 2020
Saldo: entro il 20 febbraio 2020

Le eventuali assicurazioni per rinuncia vanno saldate al momento dell’iscrizione.

I pagamenti possono essere effettuati con assegno, bancomat o carta di credito presso i nostri uffici (dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 13 e dalle 14 alle 18,30)
oppure con bonifico bancario intestato a:
Raggiungere Tour Operator – Monte dei Paschi di Siena
IBAN IT 38 Q 01030 20000 000000281052

Penalità per rinuncia:
10% dal giorno dell’iscrizione fino a 60 giorni dalla partenza
30% da 59 a 46 gg. prima della partenza   50% da 45 a 31 gg. prima della partenza
75% da 30 a 15 gg. prima della partenza   100% 14 gg. prima della partenza

Compila il modulo di adesione online

Scarica il programma in pdf
Scarica il modulo di adesione cartaceo