Caricamento Eventi

Un affascinante viaggio alla ricerca di capolavori assoluti tutelati dall’Unesco, quali la Certosa di Padula, l’area archeologica di Velia e i grandiosi templi di Paestum. Ma non solo. Proseguendo lungo il CILENTO fino a raggiungere MARATEA e il suo mare incontaminato, scopriremo un entroterra costellato di splendidi borghi adagiati su alture in grado di offrire scorci panoramici unici e imperdibili. Inoltre, la città di SALERNO, che negli ultimi anni ha mutato decisamente il suo aspetto urbano, avvalendosi del contributo dei più prestigiosi nomi dell’architettura internazionale è diventata una città dinamica e originale, tutta da scoprire.

Con la Professoressa Maria Comina
Maria Comina nasce a Torino dove, dopo la maturità artistica, si laurea in Lettere moderne ad indirizzo artistico. Insegna per diversi anni educazione artistica e viene nominata vice Direttore del Centro culturale “M. Pannunzio” di Torino per 9 anni consecutivi, ricevendo l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine ”Al Merito della Repubblica Italiana”. Nel frattempo, collabora con passione con Tour Operators torinesi per l’accurata progettazione di itinerari culturali in Italia e all’estero.

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO 
Lunedì 5 ottobre, 2020
Ore 06,30 ritrovo dei partecipanti alla stazione di Torino Porta Nuova. Partenza da Torino PN con Frecciarossa delle 7:00 e arrivo a Salerno alle 14:06. Trasferimento in bus privato verso la parte occidentale del Cilento e sosta per la visita guidata alla Certosa di San Lorenzo a PADULA. Edificata nel corso di quattro secoli, tra il XIV e il XIX, per magnificenza architettonica e copiosità di tesori artistici, dal 1998 è dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Proseguimento per la nostra meta, MARATEA in Basilicata, la cui costa si incunea per 32 km nel golfo di Policastro fra la Campania e la Calabria. Check-in all’hotel. Cena e pernottamento in hotel.

Martedì 6 ottobre, 2020
Dopo la prima colazione in hotel, giornata interamente dedicata alla scoperta del territorio di MARATEA incastonato fra tre parchi nazionali: un esuberante intreccio di natura incontaminata e incantevole bellezza del mare, con ampi indimenticabili panorami. Passeggiata nel centro storico che conserva l’originario impianto medievale caratterizzato da un dedalo di stretti vicoli lastricati punteggiati di antiche case ornate di logge, portalini e piazzette. Salita al monte San Biagio, dominato dalla colossale statua del Redentore, dove l’ampio spettacolo panoramico è veramente impagabile. Proseguimento per la cittadina di RIVELLO, adagiata su tre colline in posizione panoramica. Visita guidata del Complesso monumentale di Sant’Antonio edificato nel 1515, importante centro di cultura per la sua ricca biblioteca.
L’edificio si sviluppa attorno ad un chiostro quadrangolare con la chiesa sul lato nord che custodisce numerose tele cinquecentesche e un pregevole coro ligneo del XVII secolo. Il portico, il chiostro e il refettorio presentano una serie di affreschi attribuiti a Giovanni Todisco di Abriola e aiuti (sec. XVI).
Pranzo libero nel vicino ristorante La Dolce vita. Proseguimento del percorso in direzione di LAURIA per una passeggiata nel suo affascinante centro abitato composto da due nuclei divisi da uno sperone roccioso: Lauria Superiore, il Castello, dominata dai ruderi del castello medievale, e Lauria inferiore, il Borgo con nuclei antichi inglobati nelle recenti espansioni.
Ritorno sulla litoranea a CASTROCUCCO, la frazione comunale più a sud di Maratea al confine della Calabria, adagiata su una piccola collina a ridosso della cosiddetta piana di Castrocucco, l’unica pianura del territorio comunale marateota attraversata dal fiume Noce. I suggestivi ruderi del castello costruito in difesa dalle incursioni saracene sono sospesi su un grande costone di roccia. Percorrendo il litorale ritorno a Maratea per cena e pernottamento in hotel.

Mercoledì 7 ottobre, 2020
Dopo la prima colazione e il check-out dall’hotel, partenza lungo la costa verso nord, superata Sapri, adagiata in posizione privilegiata in un’insenatura del golfo di Policastro, ormai introdotti in Campania, dopo l’abitato di Policastro Bussentino, ci si inoltra tra i monti del Cilento che, ammantati di ulivi, viti e fichi d’India, terminano in mare con coste frastagliate ricche di grotte e di calette. Sosta in VALLO DELLA LUCANIA: posto su uno sperone del monte Sacro, questo centro, una sorta di ‘capoluogo del Cilento’, è un importante snodo commerciale. In località Pattano esiste uno dei complessi italo-greci meglio conservati del Sud Italia: visita  all’interessante complesso della Badia, un insediamento monastico basiliano fondato tra l’VIII e il X secolo. Dopo il pranzo libero, visita guidata dell’Area archeologica di VELIA / ELEA annoverata tra i siti Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Città fondata nel 540 a.C. da coloni di Focea su un sito formato da un promontorio in origine proteso sul Tirreno che creava due rade portuali, oggi interrate. Elea conservò a lungo l’impronta ellenica e fu famosa per la scuola filosofica di Parmenide e Zenone (detta appunto Eleatica).
Seguendo la litoranea, superiamo Acciaroli (dove amava soggiornare Hemingway affascinato dalle case costruite in pietra sugli scogli affioranti dal mare e collegate alla strada da passerelle), il comune sparso di Castellabate, tra le prime mete del turismo balneare del Cilento, Agropoli, borgo antico dal carattere medievale, forse di origine bizantina, in cui le case alte sul promontorio sembrano mimetizzarsi tra le rocce coperte di macchia mediterranea, e si giunge a PAESTUM. Check-in all’hotel. Cena e pernottamento in hotel.

Giovedì 8 ottobre, 2020
Dopo la prima colazione e il check-out dall’hotel, un esperto archeologo ci guiderà nella visita dell’area archeologica di PAESTUM, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, una delle maggiori testimonianze architettoniche della Magna Grecia. Poseidonia (dedicata al dio del mare Poseidone) era una delle colonie più ricche e fiorenti dell’Italia Meridionale. Le Mura erette dai coloni sibariti, interrotte in corrispondenza degli assi principali da quattro porte; la Via Sacra che lambisce i santuari di Hera e di Cerere e, all’altezza del Foro incontra il Decumano che conduce a Porta Marina e alla Porta della Sirena; la Basilica, il più antico tempio di Paestum, eretto poco dopo la metà del VI secolo a.C. in stile dorico e conserva le nove colonne del fronte, il colonnato interno mentre non ci sono più i muri della cella; il tempio di Nettuno, eretto intorno al 450 a.C. è il meglio conservato dei templi di Paestum. La sua struttura grandiosa e possente, le proporzioni perfette fanno di questo edificio l’esempio meglio riuscito dell’architettura dorica in Italia. Il Foro piazza rettangolare sistemata dopo l’insediamento della colonia latina (373 a.C.) in un settore della precedente agorà della città greca. Il tempio di Cerere eretto alla fine del VI secolo, dorico con 6 colonne sul fronte, ha la cella preceduta da un profondo pronao con colonne ioniche. Caratteristica è la cornice sporgente della trabeazione decorata da un motivo a cassettoni. Sosta per il pranzo libero. Il percorso espositivo del Museo archeologico nazionale si incentra sui reperti provenienti dalla città, dalle necropoli e dal santuario di Hera Argiva, di eccezionale valore per la conoscenza dell’arte della Magna Grecia. Le lastre dipinte della Tomba del Tuffatore (scoperte nel 1968) sono l’unica testimonianza di pittura figurata in Magna Grecia (470 a.C.). Al termine della visita partenza per l’entroterra di Salerno. Check-in all’hotel. Cena e pernottamento in hotel.

Venerdì 9 ottobre, 2020
Dopo la prima colazione in hotel, trasferimento nella vicina SALERNO, città dalla grande storia, dominata dalla mole del castello di Arechi, edificato nell’ultima propaggine dei monti Lattari, che ricorda l’epoca in cui divenne longobarda per poi essere qualche decennio dopo il Mille la ricca e colta capitale del ducato di Puglia. A questo periodo, che segna l’apogeo della celebre Scuola Medica Salernitana, risale in buona parte l’impianto del centro storico che sale verso le alture che circondano la città. Visita guidata della città: il castello di Arechi che, eretto sulla sommità del monte Bonadles, offre uno spettacolo indimenticabile sull’intero golfo. Edificato dai bizantini, ampliato dal principe longobardo Arechi e poi da Normanni e Aragonesi, è stato recentemente riportato da un imponente restauro al suo antico splendore; il Giardino della Minerva, l’eccezionale orto botanico realizzato all’inizio del XIV secolo, dove venivano coltivate le erbe officinali necessarie ai rimedi e alle cure dei medici della Scuola Medica Salernitana. Dopo la pausa pranzo: il Duomo costruito a partire dal 1076 per volere di Roberto il Guiscardo e dell’arcivescovo Alfano un longobardo ammiratore della cultura greca, in precedenza abate di Montecassino. Si tratta di uno dei più importanti monumenti medievali della regione; il Museo Diocesano, ospitato nell’ex Seminario arcivescovile, raccoglie opere preziose e oggetti d’arte provenienti sia dal duomo sia da ritrovamenti e acquisizioni. Passeggiata nel centro storico e tempo libero prima di riunirci per tornare in hotel nell’entroterra di Salerno per cena e pernottamento in hotel.

Sabato 10 ottobre, 2020
Prima colazione e il check-out dall’hotel. A VIETRI SUL MARE, che nel 1997 l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità, da secoli si fabbricano ceramiche artistiche e mattonelle da rivestimento murario, eredità di una tradizione che risale almeno al VII-VI secolo a.C. e ancora oggi vi sono molti laboratori che producono con tecniche artigianali le celebri ceramiche di Vietri. Visita guidata nella fabbrica di ceramica artistica Solimene, un progetto avveniristico degli anni ’50, unico edificio realizzato in Italia dall’architetto torinese Paolo Soleri. La grandiosità della struttura, l’innovazione e la creatività dell’idea hanno reso l’opera il simbolo di Vietri, della sua identità e della sua arte.
Trasferimento a SALERNO la cui storia recente è legata ai nomi più prestigiosi dell’architettura internazionale a cominciare dal progettista del piano urbanistico Oriof Bohigas. Passeggiata alla scoperta di alcune opere: il Crescent, edificio semicircolare sul Lungomare dell’architetto catalano Ricardo Bofil, la Cittadella Giudiziaria, nuova sede del Tribunale progettata da David Chipperfield, la Stazione marittima opera dell’architetto anglo-irachena Zaha Hadid definita “un’ostrica con un guscio duro esterno che racchiude elementi fluidi e morbidi all’interno; una copertura “temprata” che costituisce uno scudo protettivo dall’intenso sole del Mediterraneo”.
In tempo utile, trasferimento alla stazione ferroviaria e con treni Italo delle 13,22 e arrivo a Torino alle 20,15.

HOTEL
MARATEA – Hotel Villa Cheta 4*
PAESTUM – Hotel Esplanade Villa & SPA 4*
SAN CIPRIANO – Villa Rizzo Resort & SPA 4*

SCHEDA TECNICA
Quota individuale di partecipazione  in camera doppia      € 1.455
Supplemento singola  €   180
Assicurazione annullamento facoltativa in doppia   € 100
in singola  € 113

La quota comprende:

  • 2 pernottamenti con trattamento di mezza pensione (cena con 2 portate, dolce, acqua,

¼ di vino e caffè inclusi) nell’hotel Villa Cheta 4* – Camere Classic Doppie

  • 1 pernottamento con trattamento di mezza pensione (cena con 2 portate, dolce, acqua

e caffè inclusi) nell’Hotel Esplanade 4* – Camere Classic Doppie

  • 2 pernottamenti con trattamento di mezza pensione (cena con 2 portate, dolce, acqua e

caffè inclusi) nell’hotel Villa Rizzo 4* – Camere Classic

  • Tasse di soggiorno previste nelle città di Maratea e Paestum
  • Trasferimenti in bus come da programma
  • Frecciarossa biglietto Standard da Torino a Salerno e treno Italo Salerno-Torino
  • Guide locali durante le visite della Certosa di Padula, del Complesso di S. Antonio a

Rivello, della Badia di Santa Maria Pattano a Vallo di Lucania, del Parco Archeologico di

Velia, della Parco Archeologico e del Museo di Paestum (1 giornata intera), della città di

Salerno (1 giornata intera).

  • Visita guidata alla Fabbrica di Ceramiche Solimene a Vietri sul Mare
  • Ingressi come da programma (Certosa di Padula, Badia a Vallo di Lucania, Parco

Archeologico di Velia, Parco e Museo Archeologico di Paestum, Castello di Arechi,

Giardino di Minerva)

  • Tour leader esperto per tutta la durata del viaggio
  • Sistema di audioguide

La quota non comprende:
Pasti e bevande non espressamente citati, spese a carattere personale, mance ed extra in genere, tutto quanto non indicato alla voce «la quota comprende».

Numero minimo e massimo di partecipanti: 20 – 30

Iscrizioni e pagamenti:
Iscrizione e acconto € 300 entro il 20/07/2020 – Saldo entro il 03/09/2019
I pagamenti possono essere effettuati con assegno, bancomat o carta di credito presso i nostri uffici (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19)
oppure con bonifico bancario intestato a:
Raggiungere Tour Operator – Montepaschi
IBAN IT 38 Q 01030 20000 000000281052
Indicando nella causale «Cilento + cognome e nome + n° partecipanti».

Penalità per rinuncia
10% dal giorno dell’iscrizione fino a 60 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
30% della quota da 59 a 46 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
50% della quota da 45 a 31 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
75% della quota da 30 a 15 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio,
100% della quota da 14 giorni alla partenza

Compila il modulo di adesione online

Scarica il programma in pdf
Scarica il modulo di adesione cartaceo