Caricamento Eventi

Boston ancora più speciale, dalle isole e penisole della Baia, dai suoi edifici firmati da archistar, dal ‘sentiero della Libertà’ e dal rinato distretto marittimo-industriale, fulcro di fermenti creativi e interazioni fra città e mare; Philadelphia, “best city to visit” designata dal National Geographic, Patrimonio dell’Umanità col miglio quadrato più ricco di storia di tutta l’America, l’apoteotico Museum District, i folli Magic Gardens; Washington, orgogliosa e splendida, fitta di edifici-icona, con una miriade di musei superlativi e siti dov’è cambiata la storia del mondo, per un tour nello straordinario Paese dove anche i ricordi diventano monumentali.

 

Con l’esperta storica dell’arte Maria Grazia Imarisio

Architetto, docente di storia dell’arte nei licei e poi all’Università degli Studi di Torino. Studiosa di archivi antichi e autrice di svariati volumi di arte e architettura, saggi su La Stampa, Il Giornale dell’Arte e altre importanti testate di settore. Relatore in molti convegni, conferenze e corsi in sedi prestigiose a Torino e in varie località del Piemonte, a Parma, Milano e Venezia, dove ha curato diverse mostre e cataloghi d’arte e architettura. Da oltre trent’anni crea e guida itinerari culturali con la stessa passione e amore per la tutela dei luoghi che da sempre l’hanno spinta a viaggiare per scoprire nuove mete da conoscere e valorizzare.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

PROGRAMMA DI VIAGGIO

Ore 04:45 – ritrovo dei partecipanti all’Aeroporto di Torino Caselle; imbarco alle ore 8,40 per Parigi Charles de Gaulle. Coincidenza per Boston Logan International Airport e arrivo alle ore 13,36 locali.

Colta e raffinata capitale del Massachusetts, oasi d’Inghilterra nel cuore degli States, BOSTON è stata fondata da puritani britannici sulla penisola di Shawmut, dove Charles River e Mystyc River sfociano nell’Atlantico formando lo spettacolare Boston Harbour, punteggiato da una miriade di isole con edifici colmi di storia, splendidi dall’ex distretto marittimo industriale, oggi fra le aree più attive della città. È qui che sono iniziati processi decisivi per la politica e la cultura a stelle e strisce, pilastro dell’attuale forte caratterizzazione intellettuale e artistica e del ruolo di pioniere globale nell’innovazione e nell’imprenditoria che rendono Boston una capitale della storia, ricca di aspirazioni avveniristiche e di architetture fra le più futuribili.

Emblematica in tal senso, The Paul Revere House, la casa più antica della città, dove abitava l’eroe che decise le sorti del primo conflitto armato della Rivoluzione americana. Top di cultura e d’arte, la vicina Harvard University allinea capolavori dell’architettura contemporanea, quali l’unico edificio nel continente nordamericano progettato da Le Corbusier, la Gund Hall di John Andrews, la School of Design e l’Holyoke Center di Josep Lluís Sert, la Law School’s Langdell Hall di Shepley, Rutan e Coolidge e nel contiguo MIT – Massachusetts Institute of Technology, il Politecnico più famoso del mondo, sono il Kresge Auditorium e la MIT Chapel di Eero Saarinen, il Baker House dormitory di Alvar Aalto, il Simmons Hall dormitory di Steven Holl e The Massachusetts Institute of Technology di Frank Gehry. Harvard è la prima scuola d’istruzione superiore degli Stati Uniti, fondata nel 1636, che conta studiosi di livello mondiale e oltre 36000 studenti; tra i suoi laureati figurano premi Nobel, vip come Bill Gates e Michelle Obama, presidenti degli Stati Uniti, quali Roosevelt, John F. Kennedy, Bush Jr e Obama.

Check-in in hotel. Cena di benvenuto e pernottamento.

Prima colazione in hotel. Passeggiata seguendo la linea rossa su marciapiedi e strade che segna il Freedom Trail, il Sentiero della Libertà, dove sono i siti chiave per la nascita degli Stati Uniti: Massachusetts State House, sede del governo e capolavoro dello stile federale; Park Street Church, d’ispirazione londinese, che ospitò i primi discorsi contro la schiavitù; Statua di Benjamin Franklin, sul sito della prima scuola pubblica d’America; Old South Meeting House, dove iniziò il Boston Tea Party, Old State House, punto d’origine dei dibattiti che scatenarono la Rivoluzione; Old North Church, la chiesa più antica di Boston, sede dell’evento che innescò la Rivoluzione americana, e Faneuil Hall, “culla della Libertà”. Imbarco per un’avvincente crociera nel Boston Harbor Islands National and State Park, oasi marina a pochi minuti dal centro nel vasto estuario del Charles, che sfocia nella Baia del Massachusetts, popolata di 34 isole e penisole, dove le visuali sulla città sono stupefacenti. Immergersi in un porto tanto determinante nello sviluppo di Boston e della nazione è anche ripercorrere storie di rivoluzioni politiche, sociali, ambientali e di nativi americani, fra l’USS Constitution, “valorosa” nave da guerra del ‘700, antichi fari, forti militari e siti ospedalieri in disuso, in un particolare habitat ecologico.

Tempo a disposizione per pranzo libero presso il Faneuil Hall Marketplace.

È il più noto e vasto centro commerciale di Boston, con storiche aree mercatali in stile neo greco, oggetto della prima riqualificazione urbana su vasta scala della città, che ha restituito un punto d’incontro, un mercato urbano senza eguali, negozi, ristoranti ed esibizioni d’artisti di strada famose nel mondo. Visita del New England Holocaust Memorial, evocativo e ricco di metafore con sei torri in vetro stagliate verso il cielo, simbolo dei sei campi di sterminio principali e dei sei milioni di ebrei che vi sono deceduti. Il rivitalizzato e riqualificato waterfront dell’ex distretto marittimo-industriale, è oggi fulcro di fermenti creativi e d’interazioni con la città e il mare, sino all’Institute of Contemporary Art, fra i maggiori musei del Paese, sospeso sulle acque del porto.

Stupefacente “macchina per guardare” l’arte, il mare e le torri di downtown, è stato ideato dagli archistar Diller Scofidio+Renfro come spazio contemplativo per dialogare con le opere esposte e oggi con Yayoi Kusama: Love is calling, caleidoscopico e vasto Infinity Mirror Rooms dell’artista-icona dell’arte contemporanea, dal lessico espressivo mix di pop art, minimalismo e psichedelia. A pochi passi, l’obelisco del Massachusetts Fallen Heroes Memorial è un potente e raffinato faro di luce, una colonna diafana a cinque lati, come i rami del Servizio, che domina sugli alberi del parco e raggiunge il cielo, riflettendo e rifrangendo la luce cangiante del lungomare.

Cena libera e pernottamento in hotel a Boston.

Prima colazione in hotel. Passeggiata a Beacon Hill, il più suggestivo dei quartieri di Boston, fra reticoli di stradine, viottoli acciottolati, antichi lampioni a gas ed edifici in mattoni che profumano di storie familiari, dove bow-window e finestre riflettono il verde degli alberi: da Charles Street, porta d’ingresso al quartiere con caffetterie, ristoranti, boutique e negozi, ad Acorn Street, la via più fotografata della città, a Beacon Street, con un lato a ville e l’altro sulla più suggestiva area verde di Boston e punti d’interesse storico legati al Black Heritage Trail, sino a Louisburg Square, connotata dal contrasto fra il rosso delle case e il verde circostante per immergersi nell’atmosfera di una delle zone residenziali più esclusive della città. Trasferimento nella via delle arti e visita mirata del Museum of Fine Arts, il più grande museo d’arte del New England, che espone collezioni di livello mondiale, dove emergono Art of the Americas, con capolavori di Copley, Cassatt, Sargent, Frida Kahlo, O’Keeffe, Pollock e Lewis, e Art of Europe, con artisti di spicco quali Duccio, Botticelli, Donatello, Rembrandt, Van Dyck, Velázquez, Zurbarán, El Greco, Goya, Constable, Turner, oltre a illustri esponenti della Scuola di Barbizon, impressionisti e post-impressionisti, fra i quali Renoir, Gauguin, Van Gogh, Degas e soprattutto Monet, con una delle maggiori collezioni fuori della Francia.

Tempo a disposizione per pranzo libero.

Passeggiata nel vicino Emerald Necklace con i Back Bay Fens, mix di giardini formali e comunitari. The Fenway Victory Garden è uno dei due giardini della Vittoria rimasti attivi negli USA, l’unico che prosegue la sua storia nel sito originario tra gli oltre 20 milioni creati nel Paese. Visita mirata all’Isabella Stewart-Gardner Museum, scrigno di una collezione immensa e singolare, sogno europeo nel cuore di Boston, museo immersivo con una fondatrice visionaria innamorata di Venezia. Ampliato con la New Wing di Renzo Piano, conserva l’originaria essenza carismatica, mentre un velo mistico segue il visitatore attraverso ambienti affrescati o decorati da arazzi, fra gemme assolute, come Il concerto di Vermeer e capolavori di Giotto, Masaccio, Botticelli, P. della Francesca, Mantegna, Dürer, Tiziano, Van Dyck, Rembrandt, Courbet, Delacroix, Turner, Degas, Manet, Whistler, Sargent… Proseguimento nell’elitario quartiere Back Bay, dov’è lo Skywalk Observatory, grattacielo di stile internazionale nel Prudential Center, paradiso dello shopping. Dalla cima dell’osservatorio il panorama è inebriante, mentre Dreams of Freedom celebra il ruolo dell’immigrazione per questa città unica, fra le più culturalmente varie al mondo, e schermi multimediali conducono tra suoni e luoghi di passato, presente e futuro.

Check-out dall’hotel e trasferimento in bus privato al Boston Logan International Airport. Imbarco per Philadelphia alle ore 19,59 e arrivo alle ore 21,44 a PHILADELPHIA. Trasferimento in bus privato, check-in e pernottamento in hotel.

Prima colazione in hotel. Inizio delle visite a Philadelphia, Patrimonio Unesco, The Top U.S. City da visitare. Adagiata sulle rive del Delaware, è la città più importante della Pennsylvania e tra le più antiche d’America, fondata da un quacchero nel ‘700. Luogo dell’amore fraterno (philéô-adelfós), ha avuto un ruolo chiave nella nascita degli USA.

Benjamin Franklin Bridge offre vedute mozzafiato sul Delaware ed Elfreth’s Alley ha la fama di più antica strada americana con caratteristiche case georgiane che riportano a inizio ‘800. A pochi passi, in Betsy Ross House è nata la bandiera americana. L’Independence National Historical Park è il miglio quadrato più ricco di storia di tutta l’America, dove i Ranger vegliano sull’Independence Hall in stile georgiano, patrimonio Unesco, in cui George Washington fu nominato comandante dell’esercito continentale, fu firmata la Dichiarazione d’Indipendenza e la Costituzione degli Stati Uniti; Liberty Bell “annuncia la libertà in tutto il paese a tutti i suoi abitanti” e suonò alla prima lettura pubblica della Dichiarazione d’Indipendenza degli USA, poi si fratturò divenendo araldo di Libertà; Franklin Court è “struttura fantasma” che delinea la planivolumetria della perduta casa di Benjamin Franklin, fra gli estensori della Dichiarazione d’Indipendenza e presidente della Pennsylvania.

Tempo a disposizione per pranzo libero.

Passeggiata lungo l’elegante Market St sino al City Center, cuore pulsante di Philadelphia, centro commerciale e finanziario dove svettano i grattacieli più alti e avveniristici, in netto contrasto con la struttura classica del City All, il municipio della città, tesoro architettonico e più grande edificio municipale degli States. Sormontata da un’iconica statua di William Penn, la sua torre di 167 metri è la struttura in muratura più alta al mondo, senza armatura metallica. Salita in ascensore sulla City Hall Tower, dove un ponte di osservazione offre vedute spettacolari sulla Benjamin Franklin Parkway, lo skyline della città e i vicini grattacieli. Popolata di statue e pregevoli essenze, la famosa Rittenhouse Square è una delle cinque piazze originarie progettate dal fondatore della città William Penn a fine ‘600, cuore del quartiere più esclusivo di Center City, che condivide la vivacità culturale con South Street, crogiolo di culture e negozi di ogni tipo. Poco più a est, i Philadelphia’s Magic Gardens brillano di creatività, rinascita urbana e un pizzico di follia: Isaiah Zagar iniziò a piastrellare South Street negli anni ‘60 e non si fermò più. I passaggi dei Giardini Magici s’intrecciano sopra e sotto terra con più di 100 mosaici, divenuti tappa saliente della storia di Filadelfia.

Cena libera e pernottamento in hotel a Philadelphia.

Prima colazione in hotel. Trasferimento al Museums District. Passeggiata nel The Anne d’Harnoncourt Sculpture Garden, progettato da archistar del paesaggismo in riva allo Schuylkill, nello scenario di Fairmount Dam e Fountain of the Sea Horses, magica cornice per opere contemporanee a larga scala di artisti come Oldenburg, Takaezu, Kelly, Gund. Visita mirata al Philadelphia Museum of Art, tra i maggiori musei d’arte del Paese, cuore culturale pulsante di Philadelphia, istituito nel 1876 per la Centennial Exposition e ospitato in tre monumentali templi neo-greci in dolomite del Minnesota che serrano la famosa scalinata di “Rocky”.

Inaugurate nel 2019-‘21 le prime fasi di ampliamento a firma di Frank Gehry, questo tempio dell’arte presenta oggi nuovi spazi funzionali, che concorrono al risalto della sua immensa e superlativa collezione, in cui figura un tempio buddista, una casa da tè giapponese e la più grande raccolta al mondo di opere di Marcel Duchamp, del quale spicca Il Grande Vetro, e capolavori rinascimentali, impressionisti e postimpressionisti di artisti come van der Weyden, Monet, Renoir, Degas, Cézanne, Toulouse-Lautrec, Matisse, O’Keeffe, Picasso, Van Gogh, di cui sono esposti disegni, nature morte, ritratti e una delle più belle versioni dei celeberrimi Girasoli.

Tempo a disposizione per pranzo libero.

Proseguimento lungo Parkway Museums District, scenografico viale alberato, mecca culturale con musei e istituzioni educative di livello mondiale, come Horwitz-Wasserman Holocaust Memorial Plaza, Basilica dei Santi Pietro e Paolo, la magnifica Swann Memorial Fountain, Shakespeare Memorial, Il Pensatore di Rodin e gli iconici Love e Amor di Robert Indiana. Visita mirata a The Barnes Foundation, leggendaria collezione d’arte in un edificio all’avanguardia, scrigno di una fra le più vaste e preziose raccolte al mondo di capolavori assoluti impressionisti, postimpressionisti e dei primi modernisti, in cui tra l’altro figurano 171 opere di Renoir, 11 Degas, 69 Cézanne, 7 Van Gogh, 59 Matisse, 16 Modigliani e 46 Picasso, esposti in “gruppi” eterogenei ispirati alle teorie sulla didattica dell’arte del filosofo John Dewey. Check-out dall’hotel. Trasferimento in bus privato nello storico quartiere di Germantown, che conserva la sua anima originaria e begli edifici coloniali. Fondato da famiglie quacchere e mennonite tedesche nel 1683, fu culla del movimento anti-slavery americano, sito di battaglie rivoluzionarie, dimora di George Washington, di politici, studiosi, artisti, attivisti e sede della prima banca degli Stati Uniti.

Partenza in bus privato attraverso Pennsylvania, Delaware e Maryland, fra immense pianure, vasti parchi, foreste e grandi fiumi, come il Susquehanna, il più lungo della costa orientale. Arrivo a WASHINGTON DC, cena libera, check-in e pernottamento in hotel.

Prima colazione in hotel. Inizio delle visite a Washington DC, splendida capitale degli Stati Uniti in riva a Potomac e Anacostia, dalla particolare urbanistica pianificata come insieme organico di ampie strade e viali distinti da lettere o numeri e quartieri identificati in base alla posizione rispetto a Capitol Street, secondo il disegno ‘sacro’ di L’Enfant. Città che stupisce sempre, straripante di storia e monumenti emozionanti, DC è orgogliosa del suo immenso patrimonio culturale e museale e di siti legati alla storia del mondo intero.

Lafayette Square, piazza-giardino fulcro del quartiere President’s Park, è un indirizzo elitario di diplomatici e capi di gabinetto che vanta la St. John’s Episcopal Church, Chiesa dei Presidenti, per quasi due secoli cappella della vicina The White House, tra gli edifici più riconoscibili al mondo, progettata da un architetto irlandese e ispirata a Leinster House di Dublino. Incendiata nel 1812, durante la ricostruzione assunse la colorazione bianca, da cui deriva il nome. Proseguimento per Embassy Row, concentrato di ambasciate, missioni diplomatiche e dimore delle élite sociali di “Millionaires Row”. Passeggiata nel pittoresco quartiere alberato di Georgetown, sintesi di fascino storico e modernità d’alto livello, dove la bellezza di acciottolati e case d’epoca, il lungomare del Washington Harboure e il tranquillo C&O Canal rappresentano solo una parte della sua attrattiva. A dimore del ‘700 e ‘800, si alternano le migliori gallerie d’arte e ristoranti fra i più frequentati, locali di spettacoli jazz, negozi dai piaceri popolari o di designer d’alta fascia e firme di lusso.

Tempo a disposizione per pranzo libero.

Sorgono in quest’affascinante quartiere la prestigiosa Georgetown University, prima Università cattolica degli Stati Uniti, l’Old Stone House, l’edificio più antico di Washington, ed è qui che abitano o hanno abitato personaggi del jet set e della politica americana, primo su tutti John F. Kennedy con la famiglia. Trasferimento al Museum of American Art, consacrato all’arte americana dei più grandi maestri: da opere delle colonie della Nuova Spagna e del New England all’Impressionismo e all’Età dorata, a Realismo e Astrazione, due modi per rappresentare il modernismo e l’eccitazione del progresso. Il museo vanta la più vasta collezione nel Paese di arte e murales del New Deal: immagini di jazz e vita di strada, fattorie e fabbriche, operai e famiglie. Hopper ha catturato l’umore dell’ansia nel dopoguerra in un quadro netto e ambiguo. I ritmi dinamici della vita moderna hanno stimolato O’Keeffe e Stella; de Kooning e Kline si sono scatenati nelle libertà e nelle frustrazioni dell’astrazione. Notevoli la collezione di dipinti su larga scala della Washington Color School e la raccolta di fine XX secolo.

Cena libera e pernottamento in hotel a Washington.

Prima colazione in hotel. Trasferimento a United States Capitol, in emblematico stile neoclassico, tra gli edifici più simbolicamente esemplari al mondo. Costruito, bruciato, ricostruito e ampliato, conta 540 stanze, miglia di corridoi e molte meraviglie d’arte. La sua immensa cupola bianca, culminante nella statua della Libertà, è un’icona che domina Washington. Nella spianata a prato, tra specchi d’acqua, statue e viali del National Mall, il parco nazionale più visitato d’America in cui passato presente e futuro s’incontrano, sfilano musei e centri ricerca di livello mondiale, affiliati alla Smithsonian Institution, con 17 musei e gallerie, dove storia, scienza, arte e cultura prendono vita all’ombra dello Smithsonian Castle in arenaria rossa del Maryland. Visita mirata alla National Gallery of Art, prestigiosa raccolta di oltre 150000 opere, in cui spiccano capolavori come il Ritratto di Ginevra de’ Benci di Leonardo, La passerella giapponese di Monet, Autoritratto con tavolozza di Van Gogh, Famiglia di Saltimbanchi di Picasso, La condizione umana di Magritte, Jack-in-the-Pulpit No. IV di O’Keeffe, Haskell’s House di Hopper. Il contiguo Sculpture Garden accoglie creazioni monumentali di Chagall, Miró, Lichtenstein, LeWitt, Oldenburg e altri noti artisti, fra piante perenni, essenze native americane di alberi a baldacchino e arbusti.

Tempo a disposizione per pranzo libero.

Visita dell’Enid A. Haupt Garden, aereo “museo senza pareti”, mentre il Parterre ha forme e trame legate a disegni dell’era vittoriana; Moongate Garden s’ispira all’architettura e ai giardini nel Tempio del Cielo a Pechino; Fountain Garden è modellato sulla corte dei Leoni nell’Alhambra di Granada, paradiso con canali d’acqua che emulano i quattro fiumi del Corano. E se l’asse trasversale del National Mall pare tendere all’infinito, il candido obelisco egizio del Washington Monument si leva al cielo, riverberato nello specchio d’acqua della Reflecting Pool. Come una visione, al di là del diaframma colonnato, immersa in una luce opalescente, appare solitaria e solenne l’enorme effige in marmo bianco di Abraham Lincoln seduto in contemplazione, provato ma forte, determinato e caritatevole. Tempio dove la memoria del presidente che salvò l’Unione è consacrata per sempre, Lincoln Memorial fu scelto da Martin Luther King Jr per il memorabile “I have a dream”, icona universale che ha cambiato la storia del mondo.

Intorno tutto è simbologia relativa: dal The Vietnam Veterans Memorial Wall, commovente sintesi di sculture con un interminabile muro di pietra impresso dei 58000 nomi di militari e donne che hanno dato la vita in servizio nel conflitto del Vietnam.

Cena di arrivederci e pernottamento in hotel a Washington.

Prima colazione in hotel. Visita in tram open air dell’Arlington National Cemetery, tributo indelebile a oltre 400000 uomini e donne deceduti durante il servizio militare attivo che riposano in questi terreni sacri. La prima sepoltura data al 1864. Nel tempo Arlington ha subito notevoli espansioni sino agli odierni 600 acri di dolci colline e splendidi giardini. Il suo flusso infinito di lapidi è testimonianza concreta del costo della guerra e dell’amore per la patria e la tomba del presidente John F. Kennedy è la più visitata. Trasferimento alla Freer Gallery of Art, museo Smithsonian di arte asiatica, con alcune impareggiabili collezioni, oltre 40000 oggetti dal Neolitico a oggi, un significativo gruppo di opere d’arte americana, in gran parte di fine XIX secolo, e la più grande collezione al mondo di capolavori siglati da James McNeill Whistler, tra cui la famosa Peacock Room, la sala da pranzo della casa londinese di un “aristocratico del gusto”. Per il munifico Charles Lang Freer la storia dell’arte trascende tempo e luogo e, concependo un museo per le sue collezioni, lo immaginò come un monumento ai “punti di contatto” tra antico e moderno, Oriente e Occidente.

Tempo a disposizione per pranzo libero.

Check-out dall’hotel. Trasferimento in bus privato all’aeroporto internazionale di Washington-Dulles. Imbarco alle ore 18,30 per Parigi e cena in corso di volo.

Prima colazione durante il volo. Arrivo all’aeroporto di Parigi Charles de Gaulle e coincidenza con arrivo a Torino Caselle alle ore 11,15.

 

Pacchetto 4 giorni / 3 notti a New York comprensivo di:

  • 3 notti in hotel di categoria 4* in solo pernottamento
  • Trasferimento in bus da Washington a New York
  • Estensione copertura

Quota per persona in camera doppia € 590,00
Supplemento singola € 460,00

 

  • Cape Cod – Henry David Thoreau
    Un luogo dell’anima americana
  • Le bostoniane – Henry James
    Un’America realistica e simbolica
  • Strade Blu – William Least Heat Moon
    Un viaggio dentro l’America
  • America – Federico Rampini
    Viaggio alla riscoperta di un paese

Libreria Borgopo
Venite a trovarci in Via Luigi Ornato 10, Torino
Tel. 011 414 7510

I VOSTRI HOTEL

BOSTON (2 notti): COURTYARD BY MARRIOTT BOSTON DOWNTOWN 4* (o similare)
Hotel centrale e in posizione strategica nel quartiere dei teatri di Back Bay.

PHILADELPHIA (2 notti): SHERATON PHILADELPHIA DOWNTOWN 4* (o similare)
Situato nel Center City, a pochi passi da Logan Square.

WASHINGTON (3 notti): RENAISSANCE WASHINGTON, DC HOTEL 4* (o similare)

 

SCHEDA TECNICA

Quota individuale di partecipazione min.20: € 3.580

Tasse aeroportuali (obbligatorie): € 340

Supplemento singola: € 790

Supplemento piccolo gruppo min. 15: € 340

-Voli di linea intercontinentali a/r in classe economica – incluso 1 bagaglio a mano e 1 bagaglio da stiva max. 23 kg per persona;

-Volo interno da Boston a Philadelphia in classe economica;

-7 pernottamenti presso gli hotel indicati o similari incluso colazione;

-Facchinaggio in hotel

-1 cena a Boston e 1 cena a Washington DC in ristorante dell’hotel o in ristorante locale (bevande escluse);

-Trasferimenti privati in bus da/per gli aeroporti e per la tratta da Philadelphia a Washington

-Tessera dei mezzi pubblici per i trasferimenti in città per la visita a siti e musei in programma

-Percorsi di visita e ingressi come da programma;

-Accompagnamento culturale della storica dell’arte Grazia Imarisio;

-Nostra accompagnatrice per tutta la durata del viaggio;

-Assicurazione medico/bagaglio base.

N.B.: La fattibilità e le modalità di fruizione di tutti gli ingressi e visite menzionate nel programma saranno soggette a verifica e riconferma.

Tasse aeroportuali OBBLIGATORIE euro 340,00 (importo da riconfermare al momento dell’emissione);

-Procedura ESTA OBBLIGATORIA per l’ingresso negli USA 21 USD

-Estensione a New York;

Assicurazione Annullamento Multirischio euro 168 a persona;

-Assicurazione medica Globy Rosso Plus euro 103 a persona;

-Pasti e bevande non espressamente citati;

-Spese a carattere personale;

-Tutto quanto non indicato alla voce «la quota comprende».

minino 15 persone
massimo 25 persone

Numero minimo/massimo di partecipanti: 15 – 25

Iscrizione e acconto di euro 1.100 per persona più versamento quota assicurativa (per chi desidera stipularla) entro il 09/09/2022

Saldo entro il 30/09/2022

I pagamenti possono essere effettuati con assegno, bancomat o carta di credito presso i nostri uffici (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 su appuntamento) oppure con bonifico bancario intestato a:

Raggiungere Tour Operator

Monte dei Paschi di Siena

IBAN IT 38 Q 01030 20000 000000281052

Indicando nella causale:  «EAST COAST + cognome/nome + n° partecipanti».

-30% per annullamento pervenuti fino a 60 giorni prima della partenza;

-40% per annullamenti pervenuti fra 59 e 30 giorni dalla partenza;

-60% per annullamenti pervenuti fra 29 e 20 giorni prima della partenza;

-80% per annullamenti pervenuti da 19 a 10 giorni prima della partenza;

100% per annullamenti successivi a tale data e in caso di mancata presentazione alla partenza.

 

INGRESSO NEGLI STATI UNITI

Dal 12 giugno 2022, non è più richiesto un test Covid pre-partenza. Prima di recarsi in aeroporto è necessario aver compilato il form del CDC americano scaricabile dal seguente link: https://www.cdc.gov/quarantine/pdf/Combined-Passenger-Attestation-Amended-Testing-Order-12-02-2021-p.pdf.

E’ raccomandato avere sempre con sé una copia cartacea del CERTIFICATO DI VACCINAZIONE CHE EVIDENZI LA VACCINAZIONE COMPLETA.

Per maggiori informazioni consultare il sito viaggiare sicuri: https://www.viaggiaresicuri.it/country/USA.

Per l’ingresso è inoltre necessario la registrazione online sul sito ESTA (https://esta.cbp.dhs.gov). Il costo della procedura è di 21$.

PER IL RIENTRO IN ITALIA Dal 1 giugno 2022, non è più richiesto il Green Pass (né certificazione equivalente) per l’ingresso o il rientro in Italia. Per maggiori informazioni consultare il sito viaggiare sicuri: https://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio

 

Compila il modulo di adesione online

Scarica il programma in pdf
Scarica il modulo di adesione cartaceo

Share This Post, Choose Your Platform!