Caricamento Eventi

Tre volte capitale di potenti regni e imperi, Ravenna ha custodito nei secoli un patrimonio d’arte unico al mondo: gioielli capaci di catturare col loro magico incanto di luci d’oro e lapislazzulo, la cui densità trasparente e metafisica pare moltiplicarsi nei mille riflessi d’acqua delle sconfinate distese lagunari fluvio-marine dal fascino misterioso e irresistibile, straordinaria coniugazione naturalistica, geologica e storica.

PROGRAMMA

Mercoledì 19 settembre 2018
Incontro dei partecipanti in Piazza Carlo Felice, 75 (fronte Decathlon) e partenza in bus privato con destinazione RAVENNA.
Pranzo libero in itinere.  Nel primo pomeriggio, inizio delle visite nel cuore di Ravenna, scrigno di inestimabili tesori, per tre volte capitale di grandi potenze: dall’Impero Romano d’Occidente al regno di Teodorico Re dei Goti e all’Impero di Bisanzio in Europa. Questo aulico passato è testimoniato da otto monumenti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, fra cui basiliche, battisteri e musei nei quali si conserva il più ricco patrimonio al mondo di mosaici. Passeggiata tra antiche piazze e contrade delimitate da case e palazzi storici di sorprendente bellezza sino alla Basilica di San Vitale, in cui l’influenza culturale di Bisanzio si manifesta grandiosamente nell’aperta ispirazione costantinopolitana, espressa in una spettacolare concezione metafisica dello spazio, interamente permeato dello splendente simbolismo dei mosaici. Nell’ordinata architettura benedettina del contiguo complesso monumentale ha sede il Museo Nazionale di Ravenna, che vanta manufatti provenienti da monumenti Patrimonio dell’Umanità, quali le transenne e la croce da San Vitale, la sinopia preparatoria al mosaico di Sant’Apollinare in Classe, oltre all’importante ciclo di affreschi del ‘300, capolavoro di Pietro da Rimini, staccato dall’antica chiesa di Santa Chiara. Nel vicino Mausoleo di Galla Placidia, mosaici dallo splendore notturno ricoprono senza pausa l’interno creando, mediante le loro luci riflesse, una totale saturazione coloristica dello spazio architettonico, riscatto della materia dalla condizione di opacità a quella spirituale della trasparenza e dell’incommensurabile.
Check-in all’hotel La Reunion 4*, situato nel cuore del centro storico di Ravenna. Cena di benvenuto e pernottamento.

Giovedì 20 settembre 2018
Prima colazione in hotel. Proseguimento delle visite con il Battistero Neoniano o degli Ortodossi, straordinariamente adorno all’interno d’incrostazioni di marmi policromi, stucchi e mosaici nei quali domina la luce diurna, mattutina, che rende l’edificio un’autentica “ierofonia”, somma manifestazione del sacro. Passeggiata sino al Battistero degli Ariani che, pur con la sola cupola mosaicata, è preziosa testimonianza del culto praticato alla corte di Teodorico, fondato sulla figura di Cristo, al contempo divina e terrena.
A breve distanza è la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, testimone di due momenti decorativi diversi per orientamento religioso e culturale, dove le lunghe teorie di sante e di santi paiono procedere, come le sottostanti sequenze di colonnati, in un corteo senza fine, eternato nel tempo e nello spazio. Nelle vicinanze sono i ruderi del cosiddetto Palazzo di Teodorico, probabile nartece della chiesa di San Salvatore ad Calchi, ubicato nell’antica zona palatina, sui resti del vero palazzo voluto dal re dei Goti.
Tempo a disposizione per pranzo libero. Nel primo pomeriggio trasferimento in pullman privato presso la darsena di città, dove sorge il Mausoleo di Teodorico, che il re goto «ancor vivo innalzò a se stesso… costruito con massi squadrati, per coprire il quale cercò una pietra grandissima». Edificato in pietra d’Istria, ha misure sorprendenti, che tradiscono l’ammirazione del “barbaro” per la potenza costruttiva dei vincitori. Proseguimento sino alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe, tipo perfetto di tempio esarcale, i cui mosaici segnano un punto d’arrivo nel simbolismo bizantino, fatto di immagini piatte, schematizzate, distribuite sul fondo come arabeschi di un tessuto. Sosta presso la Pineta di Classe, nella quale rivive la selva incantata del Paradiso terrestre che accolse Dante e Virgilio lungo il cammino. Passeggiata nell’area dell’antico Porto di Classe, fondato da Augusto, che offre una suggestiva visuale, approssimativamente sincronica, dell’impianto generale di strade ed edifici portuali all’epoca di massimo splendore e sviluppo dello scalo commerciale ravennate: un’esperienza immersiva a tutto tondo che coniuga aspetti naturalistici, geologici, storici ed archeologici di un territorio in origine lagunare.
Rientro in hotel. Cena libera e pernottamento.

Venerdì 21 settembre 2018
Prima colazione in hotel. Passeggiata sino alla Basilica di San Francesco, divenuta in epoca medievale la chiesa prediletta dai dai Polenta, signori della città, che ospitarono Dante Alighieri in esilio. Forse frequentata dallo stesso poeta, nel 1321 la basilica ne accolse le esequie, mentre le sue spoglie riposano nell’adiacente sacello. Perla nascosta della chiesa è la cripta, dove mosaici dai colori tenui splendono come resti antichi nel fondo del mare. I due chiostri rivelano il loro fascino silenzioso, ricordando la permanenza del Sommo Poeta: dopo anni di restauro, ora risplendono di luce nuova e al loro interno ospitano il Museo e Centro Dantesco, imperniato sull’iconografia del padre della nostra lingua. La ricca Biblioteca custodisce quasi ventimila pezzi tra codici, incunaboli, edizioni a stampa delle opere di Dante e su Dante. Sosta nel Giardino delle Erbe dimenticate, spazio verde dove storia e natura si incontrano in un’atmosfera magica, esaltata dai colori e dai profumi di erbe recuperate dai ricettari degli speziali, mentre lo sguardo è catturato dagli scorci di una Ravenna inattesa. Tempo a disposizione per pranzo libero. Nel pomeriggio visita del Museo Arcivescovile, allestito nel vasto e raffinato Palazzo dell’Arcivescovado. Fra i molti tesori, emerge la preziosa Cattedra eburnea di Massimiano, tra le più insigni creazioni bizantine, pensata come sublimazione della materia ridotta a valore spirituale della forma-simbolo. Il museo custodisce inoltre la Cappella di Sant’Andrea, oratorio paleocristiano con straordinari mosaici, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
A seguire, passeggiata alla scoperta dei più pregevoli palazzi storici ravennati, fra piazza Unità d’Italia, piazza del Popolo, piazza Garibaldi e piazza XX Settembre: Casa Minzoni in stile veneziano, oggi sede dell’albergo Il Cappello, e Casa dei Polentani sono legate a Francesca (da Rimini), che Dante colloca tra i lussuriosi con l’amante Paolo Malatesta, due figure-ponte tra la Commedia e la città di Ravenna. E poi ancora le rinascimentali Casa Guaccimanni-Giorgi, Casa Maioli-Stanghellini, Casa Succi, Casa Zabberoni, Palazzina Diedo, Palazzo Rasponi-Murat, la Domus magna dei Rasponi-Bellenghi, i poco più tardi Palazzo Pompili e Palazzo Vitelloni.
Rientro in hotel. Cena libera e pernottamento.

Sabato 22 settembre 2018
Prima colazione in hotel. Partenza per il Parco Regionale del Delta del Po. Sosta per una breve passeggiata nell’Oasi naturale dei Lidi Ravennati, il cui fascino saliente risiede nel loro ‘improvviso’ susseguirsi: lungo il litorale, i morbidi profili delle dune e dei ciuffi d’erba ancorati alla sabbia lasciano spazio a zone umide ricche di canneti e giuncheti, oltre le quali si stagliano pini marittimi e un fitto sottobosco di latifoglie. Sosta al Lido degli Estensi, adagiato su una distesa di sabbia finissima e dorata, di fronte al mare.
Passeggiata a Comacchio, il centro storico più originale e affascinante del Parco del Delta del Po. Erede dell’etrusca Spina, è una città lagunare che incanta per il suo centro storico, intatto nell’aspetto originario, e per gli insigni monumenti: l’Antica Pescheria, la Loggia dei Mercanti, il Palazzo Vescovile, il Trepponti con le sue imponenti scalinate, il seicentesco Duomo di San Cassiano, l’elegante Palazzo Bellini.
Visita della caratteristica Manifattura dei Marinati, antica fabbrica per la cottura e marinatura dell’anguilla, basilare per l’economia lagunare, di recente rinata e oggi presidio Slow Food. Tempo a disposizione per pranzo libero. Patrimonio dell’Umanità UNESCO, il Parco del Delta del Po è oggi un territorio vasto e differenziato, in cui la terra e le acque trovano un equilibrio particolare per armonia e bellezza generando un paesaggio emozionante e irripetibile: una grandiosa area verde incorniciata da boschi secolari, pinete e oasi, habitat ideale per migliaia di specie di uccelli, pesci e animali, che dischiude ai visitatori luoghi incantati e incontaminati, sentieri, percorsi e itinerari dal fascino misterioso e irresistibile. Viaggio nel silenzio della foce con una singolare escursione su un’imbarcazione con motori ‘silenziosi’, nel rispetto del delicato ecosistema degli impenetrabili canneti, fra antichi casoni di pesca immersi nel paesaggio davvero unico della Foce del Po di Volano, risalendo il fiume sino alla Torre della Finanza, eretta dallo stato pontificio per controllare l’accesso alla foce. Visita al nuovo Museo Delta antico, allogato nello storico Ospedale degli Infermi, tempio ‘sacro’ della salute. Preziosi reperti – fra cui l’ingente carico di lingotti, anfore, ceramiche e balsamari di un’imbarcazione d’epoca augustea – moderne tecnologie, scenografiche ricostruzioni di contesti e percorsi olfattivi dedicati conducono attraverso un viaggio nel tempo per un’esperienza nel delta del Po, crocevia del mondo antico.
Rientro in hotel. Cena di arrivederci e pernottamento.

Domenica 23 settembre 2018
Prima colazione in hotel e check-out. Visita esclusiva prima dell’orario di apertura al pubblico alla Domus dei Tappeti di Pietra, tra i più importanti siti archeologici italiani scoperti negli ultimi decenni, allogato nella settecentesca Chiesa di Santa Eufemia e in un vasto ambiente sotterraneo.
Costituita da 14 ambienti pavimentati con mosaici policromi e marmi appartenuti a un edificio privato bizantino, vanta temi di particolare interesse e bellezza, quali soggetti geometrici, floreali e figurativi unici, fra cui la Danza dei Geni delle Quattro Stagioni e il Buon Pastore, d’iconografia differente dall’usuale versione cristiana. Passeggiata lungo via D’Azeglio, sulla quale prospetta tra l’altro il barocco Palazzo Rasponi dalle Teste, aperto straordinariamente ed esclusivamente per il gruppo. La residenza nobiliare di una delle più potenti famiglie di tutta la Romagna, spicca per grandezza e prestigio decorativo. Si termina con la Cripta Rasponi e i Giardini Pensili del Palazzo della Provincia, uno degli angoli più suggestivi di Ravenna. La cripta, in realtà una cappella gentilizia pavimentata a raffinati mosaici, è il più antico nucleo, giunto a noi, del complesso di Palazzo Rasponi, mentre l’adiacente giardino con elegante fontana e torre neogotica accoglie ricercate essenze e un’area pensile, collegata a un belvedere dal quale si possono cogliere singolari vedute sulla città.
Tempo per il pranzo libero e rientro a Torino.

SCHEDA TECNICA

Quota individuale di partecipazione  € 890

Supplemento singola € 220

Assicurazione annullamento viaggio Globy Assistance € 50 in doppia – € 62 in singola

La quota comprende:
–   trasferimenti in bus privato come da programma
-4 pernottamenti presso l’hotel 4* indicato (o equivalenti) con trattamento
di pernottamento e prima colazione
-la tassa di soggiorno prevista per la città di Ravenna
-2 cene (bevande escluse)
-accompagnamento di uno storico dell’arte
-guide locali durante le visite, ove necessario
-tour leader per tutta la durata del viaggio
-ingressi e visite speciali come da programma
-noleggio radioguide

La quota non comprende:
-pasti e bevande non espressamente citati
-spese a carattere personale, mance ed extra in genere
-eventuale assicurazione per rinuncia
-tutto quanto non indicato alla voce «la quota comprende»

Numero minimo e massimo di partecipanti: 15 – 30

Iscrizioni e pagamenti:
Iscrizione e acconto € 250 entro il 30/6/2018
Saldo entro il 3/9/2018

I pagamenti possono essere effettuati con assegno, bancomat o carta di credito presso i nostri uffici (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 19)
oppure con bonifico bancario intestato a:
Raggiungere Tour Operator – Monte dei Paschi di Siena
IBAN IT 38 Q 01030 20000 000000281052
Indicando nella causale «Ravenna + cognome e nome + n° partecipanti».

Penalità per rinuncia:
10% dal giorno dell’iscrizione fino a 60 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
30% della quota da 59 a 46 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
50% della quota da 45 a 31 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio;
75% della quota da 30 a 15 giorni prima della data prevista di inizio del viaggio,
100% della quota da 14 giorni alla partenza

 


Compila il modulo di adesione online

Scarica il programma in pdf
Scarica il modulo di adesione cartaceo